CON I " SENSI DI COLPA" L' ELITE ED I CORROTTI CI SOTTOMETTONO

11/09/22


Tutto il nostro calvario, incominciò due anni e mezzo fa, con le fatidiche frasi "fatelo per il bene comune" o " fatelo per rispetto di chi avete vicino".

Un inizio di sottomissione mentale, ben studiata e architettata dall'élite, tramite la strumentalizzazione di un influenza chiamata Covid 19.

Con il distanziamento sociale ci fecero credere di combattere un virus, invece ci stavano dividendo a livello sociale e familiare.

Dopo arrivarono le mascherine, facendoci credere, che servirono e servono per la non diffusione di agenti patogeni, sapendo che possono essere utili al massimo per la polvere, invece ci stavano rendendo schiavi di noi stessi e marchiati da un simbolo di sottomissione.

Dulcis in fundo, fu il momento dei vaccini, facendoci credere allora e tuttora, che era e resterà per il nostro benessere. Invece incominciarono a selezionarci come cavie, incominciando una sperimentazione di massa su larga scala.

Anche in questo caso, incominciarono sfruttando i nostri "sensi di colpa" dicendoci: "se non lo volete fare per voi stessi , fatelo per i vostri cari" con in aggiunta una spolverata di vera democrazia: " se non lo farete per voi stessi o per i vostri cari, perderete ogni diritto".

Ora è il momento di elezioni nazionali, ed ora più che mai, in un momento dove purtroppo la politica non ha voce, la dittatura ha bisogno di essere legittimata in ogni caso, ma non tanto tramite il voto di ogni singolo individuo, una dittatura camuffata da democrazia, ha comunque bisogno di percentuali alte di affluenza alle urne, del nostro voto politico non gli interessa, altrimenti non sarebbero in televisione a piangere dicendoci: "votate chi volete, purché andiate e chi non andrà, lederà la democrazia altrui", altro tipico esempio, di come ci manovrano tramite i sensi di colpa.


Walter Russi



50 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti